Struffoli (miniabito)

This slideshow requires JavaScript.

Natale è passato ma, non essendo quest’anno stati a Napoli a casa del Partenopeo, io di struffoli non ne ho mangiati. Il Partenopeo non li fa perché non gli piacciono e io non volevo passare le vacanze con una ciambella di palline fritte intinte nel miele che mi chiamava dalla dispensa. Ma qualcosa di struffoloso è comunque venuto fuori in quel periodo, facendo accoppiare una maglia misto cachemire dalle proporzioni poco donanti e una specie di gilet da pecorella che avevo fatto negli anni ’90 con un filato che andava di moda allora. Disfatto il gilet e usato per allungare e rendere frivolissima la seria maglia sottogiacca rosa tenue. Così gli struffoli me li porto addosso, a zero calorie.

  1. #1 by tzugumi on January 16, 2011 - 10:52 pm

    Idea geniale, davvero🙂 Mi hai fatto spuntare un paio di lampadine…certo il fisico non mi accompagna ma…hai visto mai???
    PS: Ma lo sai che abbiamo lo stesso copripiumino????🙂

    • #2 by Lisa on January 17, 2011 - 6:19 pm

      Ma stai scherzando? Dalle foto hai un fisichino niente male! Dai, che ora sono curiosa…
      Questo è l’unico mio copripiumino a fiori, in genere non amo molto le fantasie fiorate, tranne quelle giapponesi, non so perché. Ma di questa mi sono innamorata subito, secondo me quelli dell’ikea fanno davvero studi psicologici con le fantasie dei loro tessuti, con me ci imbroccano spessissimo con accostamenti che pensavo non mi sarebbero mai piaciuti.

  1. Struffoli (cappello e sciarpa-cravatta) | Lo stretto indispensabile

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: