Salviette struccanti lavabili

C’è un karma contenuto nell’aver imposto ai tuoi figli i pannolini lavabili fino allo spannolinamento e consiste nel fatto che, fossanche solo per una questione di immagine, poi ti tocca ripensare a tutto quello che usi nel quotidiano e getti inesorabilmente nella spazzatura appena utilizzato. Tipo i dischetti di cotone, tipo gli assorbenti, tipo i tovaglioli di carta, tipo la carta da cucina. E senti una vocina, una vocina molto simile a quelle che hanno commentato compassionevolmente la tua scelta dei pannolini lavabili (“Ma poi stanno a contatto con la pipì? Ma come fai ad igienizzarli? Ma li tieni sporchi finché non li lavi? Ma sottrai tempo ai tuoi figli per fare lavatrici?”) che aggiunge “Tanto parlare di riduzione quando si tratta degli altri e poi…”
A causa di questo karma ho cominciato ad usare la mooncup e prima o poi ci farò un post perché davvero cambia la vita, a causa di questo karma ho comprato un set di 12 di tovaglioli in cotone lucido blu scuro, così non si vedono le macchie che a volte rimangono anche dopo il lavaggio, che usiamo per apparecchiare con tutte le nostre tovaglie (che sono  in fantasia sul blu, notate la finezza), a causa di questo karma infilo nella borsa e doto i bambini di eleganti fazzoletti di tessuto per il naso, a causa di questo karma ho “gli strofinacci da pulizia” che mi sostituiscono la carta casa per la maggior parte degli usi.

E a causa di questo karma un paio di anni fa ho ritagliato alcuni inserti di pure cotone bio dei pannolini dei miei bambini, visto che ora non ne hanno più bisogno, e li uso per struccarmi la sera. Perché qui non amiamo la vita semplice al punto di uscire in tutta semplicità e l’acqua e sapone sul viso la sera non va poi così bene. So che ci sono dischetti struccanti lavabili più morbidi e carini dei miei, e chi vuole dotarsene non ha che da fare una rapida ricerca su internet, ma ormai ho questi e me li uso. Non voglio prendermi il merito dell’autoproduzione, li ho fatti rifinire a mia mamma che ama fare i piccoli lavoretti di cucito la sera di fronte alla tv, ma non credo ci sia niente di sbagliato nel comprarli.Vanno in qualunque lavatrice di biancheria, senza neanche aggiungere volume, è veramente una differenza minima nella routine e la vocina si è chetata e non mi disturba più durante lo strucco serale. E devo dire che nel cestino di rattan sono più carini da vedere del tubo di dischetti di cotone.

  1. #1 by kosenrufu mama on September 13, 2011 - 9:17 pm

    non ci avevo pensato, in realtà truccandomi poco… forse è per questo. Io usavo un panno di spugna che lasciavo riscaldare pochi secondi sotto l’acqua bollente poi lo strizzavo bene e poi mi struccavo il viso, che in precedenza avevo strofinato con dell’olio. Ottimo. poi lo lasciavo, tipo leggera sauna, un minuto sul viso.
    Anche noi abbiamo solo tovaglioli di stoffa e nessun panno carta o tovaglioli usa e getta. tutto in cotone.anche i fazzoletti. ecco questi, giusto in rare occasioni li compro per poter usarli con i bambini, tipo gite ecc.
    un abbraccio

    • #2 by Lisa on September 14, 2011 - 11:35 am

      Interessante, non avevo mai sentito questo metodo. Che olio usavi? Vorrei provare…
      Anche io comunque tengo un pacco di salviettine usa e getta nella borsa per le emergenze. Secondo me è importante ridurre il non riutilizzabile nel quotidiano, poi scegliere quanto più biodegradabile o riciclabile possibile per il resto. Ricambio l’abbraccio.🙂

  2. #3 by Robin on September 14, 2011 - 9:07 am

    Io ho riutilizzato le coppette assorbilatte lavabili, convertendole appunto in dischetti struccanti.

    • #4 by Lisa on September 14, 2011 - 11:36 am

      Chissà che morbide! Io non avevo le coppette assorbilatte, mentre allattavo ero un perfetto rubinetto apri chiudi, un fenomeno.😀

      • #5 by Robin on September 14, 2011 - 2:42 pm

        Sì, morbidissime! Io invece quando allattavo ero una fontana😉

  3. #6 by katia on September 14, 2011 - 9:23 am

    ciao, ti appoggio e condivido..ma la mooncup la guardo e la riguardo..ma nn so perchè non mi decido:)
    se vuoi un’idea..io le salviette struccanti me le sono fatte con le magliette delle mie bambine, riragliate in tanti dischetti sovrapposti l’uno all’altro–una morbida meraviglia!

    • #7 by Lisa on September 14, 2011 - 11:39 am

      Buona idea! Alla prima maglietta bucata metto la mamma al lavoro. Le mie salviettine sono bio e tutto ma oggettivamente non sono morbidissime.

  4. #8 by Elena on September 14, 2011 - 10:41 am

    Una domanda, voi che siete esperte: ma i dischetti lavabili, home made o comprati, si possono usare per gli occhi? perchè io per struccarmi la faccia normalmente la lavo con il latte detergente senza bisogno di altro, e uso il cotone idrofilo solo per togliere il trucco dagli occhi. Quindi pensavo di sostituire il cotone con i dischetti lavabili. Che dite?

    • #9 by Lisa on September 14, 2011 - 11:43 am

      Io li uso anche per gli occhi, sto solo attenta a non strofinare. Sicuramente più morbide sono meglio è ma secondo me quelle che trovi in giro sono già pensate per essere usate in parti delicate.

  5. #10 by Eva on September 15, 2011 - 12:35 pm

    …Che chiccheria mia cara, altro che karma!
    Da copiarti!

    • #11 by Lisa on September 18, 2011 - 5:29 pm

      Grazie, detto da te è un gran complimento!

  6. #12 by alez on September 15, 2011 - 1:41 pm

    Hai il dono di punzecchiare la mia coscienza più o meno con ogni post; per i dischetti lavabili ho un bel po’ di vecchie magliette che hanno trovato finalmente la loro sorte….grazie

    • #13 by Lisa on September 18, 2011 - 5:33 pm

      Però pubblicale sul tuo blog, così copio!🙂

  7. #14 by tzugumi on September 15, 2011 - 6:03 pm

    Eccomi finalmente!!! Allora, avevi capito tutto eh🙂
    E adesso farò tesoro di tutti i tuoi consigli in merito al bebè, a partire dai pannolini lavabili…anche perchè se mio figlio sarà come la sottoscritta non potrà assolutamente usare quelli usa e getta….pena la riduzione a color rosso fuoco del culetto!!!
    Un abbraccio :))))

    • #15 by Lisa on September 18, 2011 - 5:34 pm

      Tutti i consigli che vuoi! Sono davvero strastracontenta!!

  8. #16 by kosenrufu mama on September 18, 2011 - 10:08 pm

    ciao lisa, ti lascio il link, spiegavo tutto lì, un abbraccio

  9. #17 by anna on September 21, 2011 - 1:49 pm

    Ciao. Per togliere il trucco uso il sapone d’ Aleppo, lo vendono in erboristeria e un panno in microfibra, quelli per le pulizie. Il panno lo lavo in lavatrice e dura una vita, quando è consumato lo uso per pulire. Non uso ammorbidente, solo aceto.

    • #18 by Lisa on September 30, 2011 - 7:48 pm

      Interessante! Mi informerò.

  10. #19 by Ilaria on September 21, 2011 - 5:26 pm

    non ci avevo mail pensato!

    http://nonsidicepiacere.blogspot.com/

  11. #20 by carlottalittlekitchen on September 24, 2011 - 7:38 pm

    Grande idea! Anche io cerco di riciclare il piu’ possibile! E il tuo blog é super- utile: complimentoni. Mi piace tanto!!
    A presto

    • #21 by Lisa on September 30, 2011 - 7:50 pm

      Grazie mille!

  12. #22 by L'armadio del delitto on September 27, 2011 - 6:00 pm

    Molto interessante, ultimamente sto provando a buttare il meno possibile (e quindi a non comprare cose da buttare). Per lo strucco uso un olio che non necessita cotone (ma non è un olio super naturale: ora vorrei trovare l’equivalente bio).

    • #23 by Lisa on September 30, 2011 - 7:50 pm

      Non comprare cose da buttare è la chiave di tutto.🙂

  13. #24 by Claudia (quella di Emma) on September 29, 2011 - 2:13 pm

    Ecco, non mi beccherai mai a ritagliare e rifinire perché proprio non mi appartiene, ma da anni ormai uso le salviette struccanti lavabili, ne ho comprate due tanti tanti anni fa e le alterno. Quella più ruvida, ti dirò, forse la sensazione sulla pelle non è il massimo, ma come mi sradica i punti neri lei… la preferisco a quella morbida. Quando mi capita di non avere le mie salviettine (tipicamente quando parto mi dimentico di metterle in valigia) e devo ripiegare sui dischetti usa e getta, mi sento sempre la pelle del viso sporca…

    Ehm, non è che potresti fare un post illustrativo con foto su come rammendare i buchetti sulle ginocchia dei pantaloni? For dummies?😉

    • #25 by Lisa on September 30, 2011 - 7:49 pm

      Faccio fare un tutorial alla mia mamma?🙂 Mica le ho rifinite io, non ho tempo! E se si fossero trovate in Italia senza doverle ordinare probabilmente le avrei comprate.😉

  14. #26 by tiziana on October 3, 2011 - 10:33 pm

    Ogni santo giorno guerreggio con amiche, colleghe, vicine di casa per lo spreco, l’approssimazione nella raccolta differenziata, la mancanza di attenzione all’ambiente.
    E soffro, soffro, soffro!
    Così quando casualmente trovo chi parla (o scrive) di pannolini bio, mooncup, salviette struccanti lavabili, mi trabocca il cuore di speranza e mi dico: ce la faremo!
    Grazie da Tiziana

  15. #27 by Lisa on October 4, 2011 - 3:02 pm

    Ciao Tiziana, benvenuta! Le cose cambiano piano piano, anche io certe scelte che 10 anni fa mi parevano strane oggi sono scontate… dai che secondo me comunque c’è una nuova cultura che piano piano sta prendendo piede!

  16. #28 by BaiLing on October 5, 2011 - 12:51 am

    Ciao Lisa,
    che brava che sei! Leggere questo post mi ha fatta sentire davvero in colpa😦
    Anche io da un po’ di tempo cerco di non usare dischetti struccanti e li ho sostituiti con delle spugnette… pero’ in compenso uso tovaglioli di carta, scottex e soprattutto montagne di fazzolettini di carta.
    Faccio mea culpa… ma come si riesce a sopravvivere con i fazzoletti di stoffa, specialmente quando si ha il raffreddore?!

    • #29 by Lisa on October 5, 2011 - 9:09 am

      Ce ne vogliono tanti!😀 Io ho una bustina di tessuto impermeabile traspirante in cui metto quelli usati quando sono in giro, ma proprio quando si ha il raffreddore il fazzoletto di tessuto è un vero lusso per il naso. Ho convinto tutta la mia famiglia di scettici quando ho cominciato ad usarli e hanno visto il mio naso non più rosso e spellato quando ero raffreddata. E’ inutile, la carta più soffice non riesce ad essere soffice come il tessuto, soffiarsi il naso nel tessuto sarà vintage ma è un piacere stranamente dimenticato. Comunque io non ho cominciato rivoluzionando tutto subito, prima avevo qualche fazzoletto e ho ritirato fuori i vecchi tovaglioli, poi ho capito che la cosa era realizzabile su più larga scala e ho sostituito quasi totalmente. Quasi, perché comunque la comodità dell’usa e getta in viaggio o per le lunghe trasferte ha i suoi vantaggi anche se ammiro molto chi si organizza e riesce a essere coerente anche in queste circostanze.

  17. #30 by cinzia on October 6, 2011 - 10:54 am

    grande idea! non ci avevo mai pensato…
    uso invece montagne di fazzoletti di stoffa (proprio non riesco a soffiarmi il naso in quelli di carta!)
    invece è da un po’ che penso e ripenso alla mooncup…
    sarei tentata…se riesco a trovarla senza doverla comprare on_line la comprerei e la proverei…
    oltre al discorso ecologico, ci sarebbe anche il vantaggio nei mesi estivi…
    avete tutte presente cosa succede là sotto quando fuori ci sono oltre 30 gradi, vero?

  18. #31 by diana on November 3, 2011 - 11:13 am

    ma che bel post….devo pensarci perchè ho uno stock di lavabili che nessuno vuole…devo riuscire a togliere un po’ di puzzo di pipì…che è rimasto…consigli???
    bel blog lo leggerò più spesso!
    diana

  19. #32 by Dany on November 18, 2011 - 11:26 am

    ciao! Ho letto e mi sono sentita in dovere di dare man forte alla Moon cup! Io l’ho presa a luglio, in farmacia. quando ho chiamato per sapere se ce l’avevano, in realtà mi hanno chiesto cosa fosse, ma io sapevo che ora è ordinabile in TUTTE le farmacie e così hanno guardato nel pc e me l’hanno fatta avere in 2 giorni. circa 40 euro.
    In realtà anche molte erboristerie la tengono, ma nella mia cittadina (quasi un paesone, direi) nessuno l’aveva. io la volevo subito e così sono andata in farmacia.
    UN MIRACOLO! cavoli, ho la pelle delicatissima e ogni volta era un tormento, dovermi grattare senza dare nell’occhio (tipo gli uomini praticamente) da quando ho lei è tutto più semplice e in più risparmio nel portafoglio e nel bidone!
    Ho sempre dietro un salvaslip, perchè non si sa mai, ma di solito la metto quando inizio a sentire i primi “movimenti”.
    è come non avere nulla addosso, bisogna solo fare un po’ di pratica all’inizio, ma io sono andata benissimo dal primo mese e ora la consiglio davvero a tutte!

    complimenti per il blog e per le bellissime idee che avete!

    Dany

  20. #33 by Maria Grazia on November 13, 2012 - 1:16 am

    Anche io uso la mooncup, da 3 anni ormai, e mi trovo benissimo! sono diventata così brava che se la pulisco la sera riesco a tenerla tutto il giorno successivo senza che esca una goccia! in casi estremi, salva la vita!😀 ottimo per lo struccare.. io uso acqua e sapone, e basta! mi trovo bene…

  1. I prodotti di bellezza, il bagno zen e la spazzolata della pelle a secco che è meglio del caffé | Lo stretto indispensabile

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: