Lo scollo a barchetta a modo mio

Immagine

Uno dei grandi vantaggi di lavorare a maglia è che, quando nei negozi di abiti non trovi quello che cerchi, hai sempre un modo per fartelo da sola. Un altro vantaggio è che puoi applicare la tua fantasia o, nel mio caso, arte di arrangiarsi e ottenere dei capi particolari che, appunto, nei negozi non ci sono. Originali per caso ma pure sempre unici.

Questa semplice maglietta in cotone blu risale alla fine degli anni ’90 ed è costruita con una tecnica che ho escogitato  per riuscire ad aggiustare un capo dallo scollo “sbagliato” e che poi è diventata una specie di marchio di fabbrica, l’ho applicata a moltissimi modelli, questo però prima di cominciare a lavorare con i ferri circolari e top down. Dato che l’ho messa i primi di Giugno per una gita con amici, ho convinto un Partenopeo riluttante a farle due foto (e naturalmente non avevo nessuna intenzione di far passare un mese per pubblicare il relativo post), ve la mostro nella sua dimensione un po’ vintage.

Perché a quel tempo c’era la caccia alla maglietta “perfetta” per la propria figura, non troppolargacheticoprailsedereafilo ma che, proprio perché così dipendente dal fisico di ognuna, non era tanto facile trovare. Specie blu scuro, da abbinare ai pantaloni a righe e fantasia che si usavano quell’estate. Naturalmente ci andava uno scollo a barchetta, gli scolli sono la mia ossessione e quelli a barchetta “squadrata” i miei preferiti, e avevo già fatto alcuni capi con questa tecnica e il solo tocco di estro rispetto alla mia produzione quasi seriale è stato inserire le fasce a grana di riso doppia sul bordo inferiore e sulle maniche.

La maglia è semplicissima da realizzare, si tratta di due rettangoli per il fronte e il retro, uniti lungo i fianchi e appuntati sulla spalla superiore. Le maniche sono due corti trapezi da modulare a seconda della larghezza e dello scalfo desiderato. La particolarità del collo è ottenuta inserendo due triangoli a grana di riso cuciti sui lati lunghi sotto il corto bordo superiore a coste tubolari della maglia. Le figure geometriche più semplici, un capo senza pensieri a cui sono ancora affezionata e che ogni tanto mi risolve il “cosa mi metto sopra il jeans elasticizzato”? E poi volete mettere la soddisfazione di un capo su misura che è rimasto tale dopo una quindicina d’anni e due gravidanze?

   
 
 
L’abbinamento è banalissimo, ma che volete, è pur sempre una maglietta che viene dagli anni ’90 ed ero in gita con i bambini. 
   Maglia di cotone – home made, jeans – Muji, sneakers scamosciate – Walsh, orologio – Seiko (e secondo me pure quello ha più o meno gli stessi anni), occhiali da sole (e da vista) –  Moschino (indovinate? tardi anni ’90 pure quelli…).
  1. #1 by Stefania Campagnuolo on April 19, 2016 - 12:42 pm

    Cara simpaticissima amica del partenopeo pigro, un’altra partenopea ignorante ti chiede : bello, ma allora, come si fa lo scollo a barchetta ????Come devo calcolare le maglie, considerato che non ci sono spalle, perchè ho ‘scelto’ il modello a T?La pigrizia del mio concittadino (ormai ex ,purtoppo) ti ha contagiata ?Oppure vuoi tenere il segreto solo per te ?Potresti rendermi partecipe delle tue conoscenze per favore? Sono qui con le mie 178 maglie su ferri n. 5 (ehhhh il piacere di fare da sè cose che non trovi, perciò no comment please) con pullover tutto fatto, anche la lunghezza coprisedere, mi manca lo scollo che ho già fatto e disfatto . Amo anch’io lo scollo a barchetta .Un saluto caloroso stefania campagnuolo

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: