Riconoscerla

Sono felice. Così tanto che devo scriverlo. Così tanto che le elezioni, la fatica del lavoro, la mancanza di certezze non riescono a scalfire questa strana gioia tranquilla.

Mi viene da abbracciare le persone e da scrivere frasi buoniste di cui so che mi vergognerò fra qualche settimana. Mi sento come se avessi incorporato da qualche parte uno scaldamani, un piccolo oggetto caldo e luminoso a cui attingere conforto se fuori fa troppo freddo. Sono felice da commuovermi, sono felice da pensare di affrontare imprese epiche, sono felice anche quando brontolo, sono felice da aver cancellato del tutto ogni briciolo di invidia. E’ quella felicità che non tintinna, che suona sordo se la tocchi, come un pezzo liscio d’ottone, che sembra così solida e duratura. Sono tanto felice da doverlo dire qui.

E non so perché.

Me ne sono accorta dopo il lungo week-end elettorale, che ho passato da sola con i bimbi a fare pupazzi di neve, leggere e giocare, con le notizie contraddittorie e la snervante attesa di risultati così diversi dalle aspettative. E io la sera alla fine non ero né stanca né realmente frustrata, e gli imprevisti non erano riusciti a togliermi il sorriso.

Non ho la minima idea della causa di questo alto livello di endorfine, non è cambiato nulla. Potrebbe essere l’aver serendipitosamente trovato il giusto equilibrio tra nutrimento e movimento, o i bimbi così allegri e contenti delle ultime scoperte scolastiche, o le altre relazioni famigliari, che si stringono quando c’è una difficoltà, o vedere il nonno di nuovo in salute e sereno, le giornate che si allungano, il lavoro oppure, chissà, una ragione spirituale. Sinceramente, boh! Non è che da un anno fa, mettiamo, sia cambiato qualcosa di sostanziale. E dopo aver effettuato un’analisi minuziosa per tutta la settimana ho deciso che me ne frego e me la prendo come regalo, che anche se ne scoprissi una ragione oggettiva non credo riuscirei a riprodurla in un altro momento.

L’altra verità è che non so quando sia cominciata. Magari sono così felice da mesi, e non mi ero fermata a dirmelo. Quindi anche qui la smetto di analizzare e me la godo, che certi regali hanno sempre una ragione di essere e bisogna farne tesoro. Riconosco e ringrazio, anche di aver riconosciuto.

febbraio 2011 089

P.S. Sono stata tentata di trasformare questo post in un finto giveaway di spazzolini omaggio, visto l’alto tasso di zuccheri, e invece ve lo beccate così. Vi confesso che a volte non è facile scrivere il positivo senza filtri cinici o materialisti ma questo è il programma di questo blog e mi ci voglio attenere.

  1. #1 by cucinaincontroluce on March 4, 2013 - 11:09 am

    Ti leggo da un po’, rimanendo silente in un angolino, ma dinanzi a tanta positività come potevo non commentare? E’ un post bellissimo, una carica di positività che si aggiunge al mio euforismo quasi-primaverile… fa bene e riscalda il cuore, soprattutto perchè vengo da un periodo di dolori, incertezze, arrabbiature… eh sì, mi hai strappato un sorrisone che mi ha fatto tanto bene! Grazie!!!
    Un abbraccio, Tatiana

    • #2 by Lisa on March 4, 2013 - 9:43 pm

      Tatiana benvenuta, e grazie. Sono contenta che qualcuno sorrida con me.🙂

  2. #3 by claudiamencaroni on March 4, 2013 - 11:45 am

    lisa, grazie.
    che cosa posso aggiungere?

    • #4 by Lisa on March 4, 2013 - 9:43 pm

      Vero? Le parole della felicità sono superflue.

  3. #5 by vale on March 4, 2013 - 1:54 pm

    Oh finalmente qualcuno che è felice e lo dice!!! che bello complimenti!

    • #6 by Lisa on March 4, 2013 - 9:44 pm

      Grazie Vale. Grazie dei complimenti.

  4. #7 by cristina on March 4, 2013 - 8:50 pm

    Sei proprio brava a raccontarti
    Un abbraccio

    • #8 by Lisa on March 4, 2013 - 9:45 pm

      Grazie! Adesso vado a fare un po’ di esercizio, non si sa mai che sia quella la causa!

  5. #9 by Siro on March 5, 2013 - 12:04 am

    Ma che bello. Ho letto tutto il post col sorriso sulle labbra. Grazie.

  6. #10 by Tiziana♥ on March 7, 2013 - 12:53 pm

    Sei felice, che importa perché o da quando. Sei felice, e non serve sapere altro ^-^

  7. #11 by MANU on March 10, 2013 - 12:01 pm

    Lisa, mi hai dato la carica! Un abbraccio, evviva nostra felicità!🙂

  8. #12 by kosenrufu mama on March 11, 2013 - 11:37 pm

    evviva la felicità. di solito è contagiosa…

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: