L’ozio e le virtù

Penso che la prima volta sia stata a 14 anni, quando guardando le dimensioni de Il Signore degli anelli ho pensato: questo me lo leggo in vacanza altrimenti non me lo godo. Chiamateli buoni propositi, o compitini delle vacanze, ma io li faccio ogni anno. Si, dai, anche voi, lo so. Lo dite, che volete solo fare le lucertole al sole a sfogliare Marie Claire, ma poi in qualche parte del cervello ce l’avete quella cosa che non riuscite a fare durante l’anno e che promettete a Giugno che entro Settembre avrete fatto, anche solo darsi tutti i giorni la crema. Perché pure a Giugno si fanno i buoni propositi, ma a scadenza stretta, e magari si rispettano pure.

Io quest’anno un po’ stacco. Dopo 3 anni di lavoro quasi continuativo ho bisogno di guardare per un momento da un’altra parte: la maggior parte dell’estate la passerò con il solito regime fifty-fifty tra lavoro e famiglia, che comunque mi piace. Ma ci sono cose che è difficile inserire in tempi cittadini e lavorativi e che sono altrettanto importanti e quest’anno me li concederò.

Tipo finire quegli americani in canapa per le colazioni nel microgiardino. Tipo leggere qualche bel tomo che aperto la sera potrebbe indurre troppo velocemente il sonno. Ho lì gli Essais di Montaigne. In lingua originale, sì, altrimenti non lo stavo qui a scrivere e a darmi arie. Tipo riprendere a correre la mattina sui bastioni e finalmente concentrarmi su quei dvd di yoga che possono essere apprezzati solo nella dovuta calma. Tipo sperimentare nuove ricette di gelati fatti in casa. Due o tre volte a settimana mi parrebbe un buon ritmo. Tipo farmi una gonna svolazzante con uno scampolo comprato in un momento di debolezza. Tipo finire quel corso della Standford University su Coursera, che un po’ c’entra con il lavoro ma è abbastanza astratto da dare piacere intellettuale ed essere difficilmente applicabile dal punto di vista pratico. Tipo insegnare al Primogenito a nuotare senza braccioli. E anche al Cadetto, se ne ha voglia.

Tipo scrivere un po’ di più. Non su Facebook. Tipo fare qualche partita a giochi da tavolo con il consorte, e finire di vederci le ultime stagioni del Doctor Who, che fra poco sono 10 anni che abbiamo convolato e un po’ di back to basics ci sta bene.

Come al solito, ho la lista già fatta, e pregusto già il piacere di spuntare le varie voci: non devo fare tutto, ma qualcosa sì. Anche nel mio fondamentale testo di riferimento educativo, Piccole Donne, ci sono ben due capitoli con la morale “tutto spasso e niente impegno va male quanto tutto lavoro e niente riposo”. Sono ottocentesca dentro, lo sapete, e poi anche Louise May Alcott andava a correre tutte le mattine, e chissà che fatica con quelle gonnellone.

Perché l’ozio può essere papà di tante virtù (che bel termine ottocentesco anche questo!) e io intendo essere meno stressata e più virtuosa, sorridente e impegnata questa estate, certamente più di quanto lo sia stata negli ultimi tempi.

  1. #1 by aknittingbear on June 28, 2013 - 8:16 pm

    Anch’io faccio sempre porgetti per l’estate. Per me l’anno inizia a settembre e ho tantissima carne al fuoco (non male per una che non ne mangia da 20 anni…) per questi mesi. Buon lavoro e buon riposo (Piccole donne è stato fondamentale anche per me!)

    • #2 by Lisa on July 1, 2013 - 3:42 pm

      Grazie, anche a te buon lavoro e buon riposo! Lo leggo che è un bel periodo intenso anche a casa dell’orso.

  2. #3 by claudiamencaroni on June 29, 2013 - 9:14 am

    cara
    questo post e’ un meraviglioso accompagnamento alla mia partenza verso la quale nutro molte speranze.
    ci credi che ho portato piu’ libri che vestiti in vacanza?
    mio marito e’ incazzato nero perche’ mi dice che non riusciro’ mai a leggere tutto quello che ho portato — mentre il borsone dei libri per ora lo sta portando lui — ma io sono ambiziosa e anche un po’ viziata: devo poter scegliere. e il kindle (pure abbastanza guarnito) non mi basta.
    altri propositi non ne ho fatti se si esclude ‘godermi’ i bambini.
    poi si, magari un’uscita col marito, se smette di rompere sul peso delle valigie.
    e basta.
    buon riposo e… si, scrivi di piu’, manchi.

    • #4 by Lisa on July 6, 2013 - 4:35 pm

      Ma adesso sono curiosissima! Che libri avevi in valigia? Buona vacanza!

  3. #5 by manu on June 30, 2013 - 12:08 pm

    Anche io questa estate me la voglio godere con calma e fino in fondo! La prima settimana di ferie (quella passata), mi ha costretto ad inseguire il sole tra Adriatico e Tirreno, ma sono stata contenta lo stesso! Shabby, riposo, sole, sesso&roccherroll…questi i miei progetti! Buona estate a te Lisa, e a tutte noi che ti leggiamo sempre con piacere. Bacio!

    • #6 by Lisa on July 1, 2013 - 3:58 pm

      Wow! Che hai fatto di shabby? Buona estate anche a te e grazie!

  4. #7 by manu on July 1, 2013 - 11:28 pm

    Per il momento 4 sedie….ma voglio continuare con altri pezzi! Ho voglia di bianco, di luce e di rinnovamento! Consiglio a tutte, è bello lavorare con le mani! Un abbraccio Manu

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: