Il ventaglio

Ne ho sempre posseduto. Da piccola, per giocarci, da grande, come ricordo di viaggio o come accessorio di scena quando danzavo per un’associazione di danze ottocentesche. Della nonna, di legno, di tessuto, di pizzo. E poche settimane fa, solo perché gli altri ventagli li ho lasciati a Bologna, ne ho comprato uno in un negozietto di Alghero. E’ un ventaglio di legno e tessuto color petrolio, con qualche fiore rosso dipinto sopra, non particolarmente costoso ne originale. Ne avevo una urgente necessità perché ho fatto un ulteriore passo nell’affermazione del mio status di signora e sono molto felice di dirlo.

Le vedevo, da giovane, le signore sarde, con i loro ventagli. Li tiravano fuori in genere in chiesa ma anche in altri luoghi chiusi, per una rinfrescatina elegantemente meccanica, dove l’usuale brezza sarda non riusciva ad arrivare.

E a me, ragazza, sembrava una cosa così… da signora.

Non che non mi piacesse, ma andava in genere insieme a sovrappeso, gonna sotto il ginocchio e capelli corti con messa in piega, e poi nessuna altra ragazza li usava, per cui i miei li custodivo in casa. L’estate scorsa, ormai convertita all’uso del cappello di paglia, ho cominciato a ripensarci. E’ economico, ecologico e piacevole, davvero un piccolo lusso a basso impatto, e ho pensato che me ne sarei portato uno da Bologna: non so perché non mi è venuto in mente di cominciare ad usarlo lì, forse perché ne ho sempre visti di meno. E dire che a Bologna, con quell’afa, ce ne dovrebbe essere più bisogno. Forse le signore sarde sono più lungimiranti, o forse l’aria condizionata meno diffusa.

Anche le vecchine al paese di mio padre, vestite di nero con il fazzoletto in testa e le calze anche d’estate, ne posseggono uno, a volte lo tengono appeso direttamente alla gonna, e subito è inizio secolo. Certo, non sono le fashionblogger più in voga del momento, ma c’è una saggezza e un’eleganza intrinseca in quel gesto che voglio aggiungere a questo mio stato di signora neoquarantenne, anche se sono normopeso, ho i capelli lunghi e le mie gonne sono un po’ più giovanili (spero). E vi invito a fare altrettanto, altrimenti passerò per la solita eccentrica quando spegnerò l’aria condizionata e tirerò fuori dalla borsa un bel piccolo ventaglio, realizzando così finalmente uno dei desideri nascosti della mia infanzia.

Perché le signore sarde, loro, lo sanno.

  1. #1 by manu on August 25, 2013 - 9:40 pm

    Ciao Lisa! Io porto sempre il ventaglio in borsa, e, viaggiando in treno tutti i giorni per andare al lavoro, spesso lo tiro fuori…e gli altri mi guardano invidiosi!🙂 Buona fine di estate! Manu

    • #2 by Lisa on August 26, 2013 - 2:06 pm

      E anche Manu, lei, lo sa! Io invece ci sono arrivata solo ora…

  2. #3 by cucinaincontroluce on August 26, 2013 - 11:35 am

    E invece sono bellissimi… ne possiedo tre: uno portato dalla Spagna, uno dal Giappone e uno da qualche bazar della mia città, ma dall’aspetto sufficientemente esotico… e funzionano, eccome se funzionano! Ne tieni uno in borsa e, nelmomento in cui stai per svenire dal caldo, riesci a sopravvivere…. ti faccio compagnia?
    Ciao, Tatiana

    • #4 by Lisa on August 26, 2013 - 2:13 pm

      Certo, non chiedo altro che un po’ di compagnia sventolante! Io ci ho messo un po’ di tempo per arrivarci, ma è davvero una goduria!

  3. #5 by Siro on August 26, 2013 - 10:19 pm

    Meraviglioso. Io adoro i ventagli. Mi ero dimenticata della loro esistenza, bisogna che vada a cercare i miei, ne avevo un paio della nonna, chissà dove li ho messi…

    • #6 by Lisa on August 28, 2013 - 12:56 pm

      Che bello, pure un ricordo della nonna. Io quello di mia nonna, tutto nero, non so dove sia finito. Non è che mi piacciano i ventagli neri, ma era pur sempre un ricordo. Ora qui l’estate sta finendo, ma l’anno prossimo l’afa ci troverà tutte pronte e armate! Ha!

  4. #7 by Tibisay on August 30, 2013 - 12:37 pm

    Oh, ma questa cosa del ventaglio è una cosa che mi piace tanto!
    Io lo uso, magari a casa, ma lo uso… e perchè non farcene uno all’uncinetto, magari, per riaffermare la rinascita dei lavori antichi? Mmmmmmmmmmmmmmmmmm… pensiamoci.

    • #8 by Lisa on August 30, 2013 - 5:01 pm

      Come come? Ma è geniale. Sappi che sei colpevole di avermi fatto passare un’ora buona a navigare tra ventagli ad uncinetto home made per carpirne i segreti. Insomma, parliamone!!🙂

  5. #9 by lullina76 on September 12, 2013 - 5:20 pm

    Mi piace parlare anche di ventagli…..ho nominato il tuo blog per “The Versatile Blogger Award”….spero ti faccia piacere! Mi piace il tuo blog

    • #10 by Lisa on September 14, 2013 - 9:38 pm

      Mi fa piacerissimo! In genere rispondo tardi agli award, scrivo così poco! Ma comunque grazie mille!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: