Un post da fashion blogger

Questo post è dedicato alla mia cara Caia, che sostiene che sotto sotto io abbia palesi ispirazioni da fashion blogger. Non dico che non mi piacerebbe avere l’estro e parlare di abiti e scarpe con verve e maestria, anzi, ma ci sarebbe un notevole impedimento, oltre una certa mancanza di fotogenia: non credo di possedere sufficienti vestiti da poter tener vivo un blog. Neanche mescolandoli molto più di quanto normalmente faccia riuscirei a tirare fuori qualcosa come un dayly outfit che riempia queste pagine per più di un mesetto.

Inoltre mi interesso più di ventagli e crinoline che della fashion week. Queste ultime settimane ho messo direttamente come già letti tutti i siti che hanno come argomento principe sfilate, street style & co. Il periodo delle settimane della moda, in qualunque città queste si svolgano, mi annoia enormemente. Come dire, mi mancano i fondamentali.

Certo, direte voi, al ritmo a cui pubblichi potresti anche diventare la prima fashion blogger minimalista dei dintorni. Tipo 4 post all’anno, ai cambi di stagione. E avreste pure ragione. Per quello oggi mi voglio divertire anche io a fare un post da fashion blogger, con sfumature di autoproduzione e lusso economico, come si conviene a lostrettoindispensabile.  Tutto è partito da un acquisto inutile. Impulsivo. Insomma, l’acquisto da non fare. Questa primavera infatti ho comprato questo splendido scampolo di seta, senza alcuna idea di come impiegarlo, perché ho adorato la fantasia e il prezzo accessibile vista la qualità del materiale.

IMG_20130327_161048

Bello vero? Avevo bisogno però di trovargli presto un utilizzo per non sentirmi troppo a disagio con me stessa: che farne? Una casacca, una gonna… su Instagram c’erano coretti che inneggiavano ad un paio di “pajama pants” ed effettivamente sarebbe stato perfetto per quelli, se non fosse per il tessuto un po’ trasparente e la mia scarsa considerazione per le mutande a vista.

Nell’indecisione la visita dalla sarta veniva rimandata giorno dopo giorno, con questo tessuto inutilizzato che mi pesava un po’ sulla coscienza, finché non sono partita per le vacanze e ho infilato il taglio di stoffa in valigia, pensando che sarebbe stato un peccato lasciar passare l’estate senza ricavarci qualcosa. L’idea era di cucirci una gonna, ma improvvisamente un giorno, l’illuminazione: sarebbe stata una casacca leggera con scollo arricciato all’americana.

La realizzazione è davvero semplice. Bisogna ritagliare due rettangoli, poco più ampi dei fianchi e cucirli sui lati lunghi lasciando giusto lo spazio per il giro manica. Orlare sotto e rifinire il giromanica, poi ricavare due piccole coulisse nei due bordi liberi superiori, infilarci un nastrino per lasciar arricciare la scollatura. Et voilà, neanche un’ora di lavoro.

Con un po’ di tessuto avanzato ho ricavato una piccola fusciacca, da legare tra i capelli o in vita. In realtà, non sapendo bene come sarebbe caduto, l’ho lasciato un po’ lungo e forse anche leggermente troppo largo, e la prima volta l’ho indossato come miniabito con sotto una sottoveste in maglina blu. Non credo che lo userò più così, ma il Partenopeo mi ha fatto delle foto e ve le mostro in questa versione.

agosto 2013 071 (2)

Io però lo preferisco come casacca, o ancora meglio, in questa stagione, come top sottogiacca, proprio per questa fantasia a foulard che sembra piuttosto adatta ad accostarsi alle linee pulite. Eccomi qui, smartphone alla mano, che mi faccio le foto davanti allo specchio. Sembro quasi una di quelle vere, eh?

IMG_20130921_104249

La morale della storia è che ho un capo di seta nuovo, semplice, fatto da me, iperversatile e costato in proporzione molto poco. Forse, se mi impegnassi sul serio e comprando uno stock di tessuti da tagliare a rettangolo e cucire, persino lostrettoindispensabile potrebbe diventare un fashionblog. Ma prevedo il fallimento per scarsità di post quindi potete tenermi nella categoria ibrida, così non mi mancheranno le cose da dire. Dai, ditemi voi, come sono andata?

  1. #1 by cucicucicoo on September 25, 2013 - 10:14 am

    Sei andata benissimo! Hai fatto un ottimo lavoro, e quelli semplici sono spesso quelli migliori! Mi piace anche molto la fascia per i capelli abbinata. Complimenti!🙂 Lisa

    • #2 by Lisa on September 25, 2013 - 9:40 pm

      Grazie! Detto da te è proprio un complimentone!

  2. #3 by Vita Frugale on September 30, 2013 - 12:04 pm

    Ciao, vengo a trovarti e trovo che hai avuto un’idea strepitosa, per la semplicità di realizzazione e risultato! Ho postato il link di questo tuo post sulla pagina fb di Vita Frugale! A presto!

    • #4 by Lisa on September 30, 2013 - 9:03 pm

      Ma grazie! L’ho cercata e adesso ti seguirò anche lì! E’ una bella scoperta e grazie tante per la menzione.🙂

  3. #5 by caia coconi on October 2, 2013 - 9:20 am

    ma come avevo fatto a perdermi questo post????
    ma sei bellissima!
    che bella idea!
    e hai anche creato uno di quei capi che io adoro: semplice, di qualita’ e molto versatile!
    secondo me d’estate nell’abbinamento con sottoveste e’ stupendo: aggiungi borsa di paglia e sandaletti di cuoio e voila’!
    oppure lo metti su dei capri con zeppa. anche se resta lunghetto puoi sblusarlo con la fusciacca!
    lisa, il web e’ pieno di blog minimalisti e io credo che tu abbia stile.
    e questo argomento secondo me e’ attinentissimo al tuo blog e al suo spirito. la frivolezza femminile va coltivata come tutte le altre necessita’. ne faro’ un manifesto.
    e se si riesce a farlo con un occhio al risparmio e all’ecologia, hai fatto centro!
    brava brava
    promossa😉

    • #6 by Lisa on October 2, 2013 - 10:32 pm

      Wow! Caia Coconi crede che io abbia stile. No, dico, avete letto? E poi mi ha pure promosso! Posso fare la fashionblogger minimalista, ho l’autorizzazione.
      A parte gli scherzi, hai ragione, sentirsi bene, anche con quel tocco di superfluo addosso è tra le cose indispensabili. Aspetto con ansia la lettura del tuo manifesto sulla frivolezza, nascerà un esercito di donne sobrie e frivole insieme e invaderemo il mondo.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: