Il regalo perfetto

Bicicletta 006

Questo Luglio io e il Partenopeo abbiamo festeggiato dieci anni dal giorno che abbiamo convolato a giuste (?) nozze. O nozze giuste, meglio.

Credo di aver ricevuto per l’occasione il regalo perfetto. Proprio quello lì, in corsivo. Primo, era una cosa che desideravo ma al momento non sembrava così prioritaria da acquistare: la bicicletta. E non una bicicletta qualunque. Il decennale consorte ha seguito passo passo il recupero di un vecchio telaio presso la bottega artigianale di Bologna Ri.Ciclo  (biciclette di recupero uniche e in contropiede), decidendone i dettagli, controllandone lo sviluppo in modo che incontrasse perfettamente i miei gusti.

Ri.ciclo ha ricostruito la bicicletta montando i freni contropedale, che oltre ad essere comodi da usare eliminano i brutti fili che rovinano la linea della bici e curandone la messa a punto. La ruote, sellino e manubrio sono nuovi, tutto il resto è originale, riciclato da varie bici. Insomma, una bici pensata e bella. Che ha una storia. Che è fatta per piacermi. Ecologica perché fa muovere senza inquinare ed ecologica anche perché non nuova. Ho già comprato due catene enormi per evitare che qualcuno si porti via il mio nuovo tesoro.

Ci vorrò aggiungere un cavalletto, penso, ma il campanello è stato fatto arrivare dall’Inghilterra, il marito ne cercava uno adatto e l’ha trovato su internet. Non è perfetto? Dovete sentire che bel Dinn! che fa. Poi mi mancherà solo un bel cesto da appendere al manubrio e sarà completa.

Bicicletta 005

Ah, la bicicletta. Com’è vintage e moderna la bicicletta. Quando ero studentessa ne avevo una molto scassata che avevo ridipinto di nero e punteggiato di margherite bianche e gialle, per una mia versione delle margherite GURU che tanto andavano in quegli anni. Ci ho girato Bologna, con la mia Margherita a ruote, e ho continuato ad andare in bici anche nei primi anni di lavoro. 

Poi ho comprato casa e macchina, ho cambiato Margherita con una bici nuova e anonima, dopo il lavoro andavo a comprare mobili o pitture per sistemarmi la mia casetta e ho cominciato ad usarla meno. I figli poi hanno dato la mazzata finale, due e vicini e il tempo sempre più scarso. E loro che odiavano il seggiolino della bici, che ormai era praticamente inservibile.

Questa nuova bici voglio che segni l’inizio di una nuova fase, in cui mi riapproprio di un modo di muoversi gratificante.

Perché muoversi in bicicletta è prima di tutto un’iniezione di autostima: è solo la tua energia cinetica su un mezzo semplice che ti porta in giro, non c’è bisogno di benzina, solo le tue gambe. Senza contare le calorie bruciate. E anche se non sempre si pedala in mezzo ad aria pulita, dicono che l’aria dentro l’abitacolo della macchina sia peggio. Magari mi metterò un elegante foulard di seta a guisa di bandito del far west per filtrare le pm10, bisogna fare scelte di classe anche sulle due ruote. 

Sono fortunata, sono vicina ad una pista ciclabile che con un po’ di giri mi porta nei punti nevralgici di Bologna.  L’auto mi piace poco, e la eviterò ancora di più.

Ah, la bicicletta. Il regalo giusto al momento giusto. Perfetto.

Bicicletta 028

  1. #1 by Claudia on October 3, 2013 - 9:27 am

    bella! meraviglioso regalo!
    io che abito in paese, senza bici non potrei stare……..per i tragitti corti è perfetta, per quelli un po’ più lunghi, basta attrezzarsi!
    purtroppo però non posso lasciarla nel portabiciclette del condominio perchè c’è in giro “una brava personcina” che si diverte senza sosta a vandalizzare in tanti disparati modi (forature, selle rubate, spietrate sul manubrio…..no comment) tutte le biciclette parcheggiate, e così mi tocca metterla in garage………….io che vorrei lasciarla fuori a respirare e sempre pronta all’uso!
    ma nella tua bici non ci sono i parafanghi?

    • #2 by Lisa on October 3, 2013 - 11:21 pm

      Anche io la devo tenere in garage…😐 No, non ci sono i parafanghi. Il ragazzo diceva che se non vai in giro con la pioggia non servono… mah, sono indecisa. La cosa bella di questo regalo è che posso portarla e farmi aggiungere i pezzi, ad esempio il cavalletto che per me è indispensabile, e saranno scelti e abbinati come tutto il resto. Lo so, è solo una bici, ma sono queste piccole cose che me la rendono speciale.

      • #3 by Claudia on October 7, 2013 - 9:48 am

        questo weekend i parafanghi servivano, eccome😀
        bella la bici work in progress, così puoi aggiungere (o togliere) al bisogno, mi piace!
        il cavalletto è fondamentale, come pure le catene! buone pedalate!

  2. #4 by caia coconi on October 3, 2013 - 9:46 am

    a me manca un po’ per i 10 anni, ma credo potrebbero coincidere con un momento storico simile al tuo in relazione ai figli, e soprattutto alla possibilita’ che qui a roma, finalmente, ci si attrezzi con piste ciclabili e agevolazioni per i pedalanti.
    quando ero all’universita’ anche io ci ho provato, ma e’ stato un totale fallimento. sorvolando sulla fisionomia della citta’ dei sette colli che richiede un fisico decisamente allenato per essere affrontata, il traffico e’ malvagio, non risparmia nessuno e io avevo davvero paura.
    vedremo, intanto prendo nota.
    io ovviamente ne vorrei una rosa, color malva. con cestino in vimini, campanello come il tuo e qualche farfallina qui e la’.
    e sul foulard non potrei essere piu’ d’accordo😉

    • #5 by Lisa on October 3, 2013 - 11:19 pm

      Certo, a Bologna è più facile. Le piste ciclabili ci sono, anche se si può sempre migliorare (e non poco). Bella la bici rosa con le farfalline! E scommetto che hai già pensato il foulard in pendant…

  3. #6 by Nora on October 3, 2013 - 2:13 pm

    Bel regalo! E bella bicicletta, per non parlare della pedalatrice😉
    Io un paio di mesi fa ho eliminato i due seggiolini dalla mia bicicletta e finalmente la uso solo per me.
    L’unico problema – ma c’è sempre stato – è che ho scelto di vivere in collina…
    ps Auguri per i vostri primi dieci anni (anche noi ci siamo arrivati)

    • #7 by Lisa on October 3, 2013 - 11:17 pm

      Auguri anche a voi! A me non sembrano 10, sono volati…🙂

  4. #8 by sallychef on October 3, 2013 - 6:29 pm

    che meraviglia🙂 una bici che prende forma da altri oggetti, resto incantata.
    gran bel regalo per festeggiare il vostro primo decennio🙂
    Auguri
    Sally

    • #9 by Lisa on October 3, 2013 - 11:16 pm

      Vero? Sono una donna molto fortunata!

  5. #11 by tzugumi on October 9, 2013 - 4:36 pm

    Invidia, profonda invidia. Perchè amo andare in bicicletta, perchè sogno da una vita di gironzolare portandomi dietro il mio amato cucciolo. Ma il territorio purtroppo non ama i ciclisti.
    Sigh😦

  6. #12 by Meggie a pois on October 22, 2013 - 9:37 am

    Ooooh, che meraviglia!!! Io adoro le biciclette, sono il mio mezzo di locomozione preferissimo: non puzza come i treni, non è irrispettosa di tutto come l’auto ed è più romantica delle proprie gambe ^-^
    Bellissima la tua!

    • #13 by Lisa on October 28, 2013 - 12:04 pm

      Grazie! Detto da te è un gran complimento!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: