Archive for category il downshifting ti fa bella

Sleek technique

sleek techniqueLa settimana scorsa ho avuto modo di provare un sistema fresco fresco sul mercato, la Sleek technique, creato da due ex ballerine che si sono conosciute all’età di 11 anni davanti alla sbarra, da quel momento sono rimaste amiche e hanno sempre desiderato durante questi anni di lavorare insieme nonostante le loro strade le abbiano divise. Terminata la loro notevole carriera nella danza classica e moderna, si sono quindi dedicate alla creazione e all’insegnamento di un metodo che unisce il potenziamento fisico alla grazia del balletto.

Hanno una serie di video in streaming accessibili dalla loro piattaforma, un dvd appena uscito, e la possibilità di fruire di classi online piuttosto frequenti e in orari tutto sommato comodi anche per noi in Italia.

Se devo definire il tipo di tecnica non è un barre puro, è molto spostato verso il balletto, ed è estremamente ben coreografato. Il tempo passa in modo molto veloce, i movimenti variano ed è necessaria un’attenzione costante per seguire ed eseguire correttamente le diverse posizioni.

Victoria e Flik hanno dei fisici mozzafiato che ti fanno venire solo la voglia di fare esattamente quello che fanno loro per essere così in forma, sono belle, estremamente gentili e alla mano, rispondono personalmente alle mail e il fatto che gli allenamenti sono sempre filmati da entrambe li rende più piacevoli da vedere perché si intuisce la loro complicità e ne viene valorizzata la coreografia. In particolare i movimenti sono meno visti che in tanti altri allenamenti, la scelta della musica è piacevole e la qualità generale piuttosto alta.

Dal punto di vista cardio sono abbastanza impegnativi pur senza essere particolarmente pesanti, il battito cardiaco va su ma i movimenti più energetici vengono spesso seguiti da esercizi più legati al tono muscolare.

Per quanto riguarda i video in streaming se un difetto posso trovarci è che l’audio a volte è un po’ confuso: per il resto sono di lunghezza variabile, fino a 30 mn, con diversi stili e target, e di vario livello.

Sono riuscita a partecipare ad una classe con Flik ed è stata una esperienza notevole. Ne dovevo fare di più ma ho avuto una settimana pazzesca e ci ho pure fatto una pessima figura segnando in un giorno sbagliato una prenotazione e scusandomi il giorno dopo per il fatto di non essere riuscita a partecipare per un problema alla mia auto quando la classe era bella che passata.

Ero molto intimidita dal mostrarmi in tenuta da danza online e prendere lezioni da una vera ballerina visto che non ho mai fatto un corso di danza classica in vita mia. Fare lezione dal vivo è molto più complesso che seguire un video, avere qualcuno che verifica le posizioni e ti corregge ti incita a controllare per bene i movimenti e di conseguenza a fare più fatica. Ma Flik è stata davvero carina e gentile, non mi sono sentita minimamente a disagio, e ora sto molto più attenta alle posizioni e gli allineamenti anche quando seguo gli streaming.

I prezzi della Sleek Technique non sono economici e c’è il grande svantaggio che anche acquistando la visualizzazione di un singolo video, dopo un mese ne scade l’accesso, quindi per me, che amo molto variare anche tra diverse discipline, effettivamente è un costo che non ammortizzo del tutto. Gli abbonamenti mensili sono piuttosto costosi (i prezzi sono in sterline) ma sono comprese una lezione live o addirittura lezioni live illimitate.

Il punto di forza della loro proposta però è che le lezioni sono acquistabili anche senza abbonamento, singolarmente, a dei prezzi abbordabili e valgono veramente il costo, specialmente per chi si allena da casa e ha bisogno di qualche indicazione per la corretta postura ed essere sicura di eseguire esattamente i movimenti, cosa che non è possibile eseguendo gli esercizi in solitudine.

Non ho provato il dvd ma penso che lo ordinerò presto. Non ne compro molti dvd, preferisco i download ultimamente anche per ragioni di spazio, ma questa tecnica mi è piaciuta molto, ho sentito usare intensamente muscoli che pensavo già forti e allenati, e penso di integrarla con i miei allenamenti settimanali, concedendomi ogni tanto qualche lezioni on-line come premio. Chi l’ha già acquistato dice che gli allenamenti lì contenuti sono molto simili agli streaming ma comunque sono originali, quindi non si sovrappongono nel caso vogliate provare entrambi.

Per provare un po’ di Sleek Technique esiste on line questo video a cui però dovete aggiungere la “colonna sonora” a parte che illustra abbastanza bene il tipo di allenamento che poi viene sviluppato in dettaglio sulla loro piattaforma. Un’altra alternativa è iscrivervi al sito, gratuitamente, si riceve il link a un video di 15 mn con i principi del loro tipo di barre.

Advertisements

4 Comments

Ballet Beautiful, répétez s’il vous plaît.

Prima di tutto vi ringrazio per i messaggi e i consigli dell’ultimo post: sto meglio, pian piano ho ripreso energie e ho ricominciato a correre come al solito. Che è un periodo in cui ho tanto da lavorare e ancora di più da gestire l’avete capito. Del resto è la vita che mi sono scelta e alcune cose forzatamente si fanno nelle poche pause libere.

Sto cercando anche di trovare un nuovo modo di continuare ad allenarmi e a tenermi il movimento nonostante le mie giornate sconclusionate. Grazie ad una offerta speciale ho provato i video in streaming di Ballet Beautiful…. e mi sono piaciuti tantissimo. Praticamente sono due mesi che non faccio altro. L’abbonamento mensile è costoso e non lo rinnoverò ma penso che acquisterò qualche video in più di quelli sempre disponibili per poter variare durante le mie giornate.

Vi avevo già parlato di Ballet Beautiful in passato ma nel frattempo questo metodo ha avuto uno sviluppo che mi è piaciuto molto. Prima di tutto il formato dei video, che variano dai pochi minuti fino a una ventina, è ottimo per infilare un miniallenamento nei buchi della giornata. Così ho preso a farne circa 30 mn la mattina, 15 quando torno dal lavoro e 15 dopo che ho messo i bimbi a nanna. Non richiedono un abbigliamento particolare, io al pomeriggio mi tolgo le scarpe e infilo dei leggings, tanto poi il resto si mette a lavare comunque. Non sono particolarmente faticosi, tranne alcuni che ti torturano i muscoli ma si sono rivelati particolarmente efficaci.

Ma la rivelazione più grande sono stati i video con gli esercizi “standing”, in piedi, che sono pensati per alzare il battito cardiaco e allo stesso tempo allenare i muscoli. Sono davvero ottimizzati, non troppo duri ma comunque alla fine ti trovi che quelle 300/400 calorie in più durante la giornata le hai consumate, almeno a sentire quello che dice il cardiofrequenzimetro che mi ha regalato il Partenopeo al compleanno.

Poi c’è lei, Mary Helen Bowers, mai abbronzata, con la sua vocina, il suo chignon e le sue scarpette, ci sono tutti i colorini pastello dei suoi body, ci sono i movimenti della danza classica e il suo vocabolario, c’è la musica classica in sottofondo e un’ombra di tutù da qualche parte che ti lasciano una sensazione di calma, leggerezza e di relax anche quando soffri per un esercizio difficile.

Per chi vuole provare ho raccolto qua sotto una serie di video gratuiti che si trovano su internet. Sono in media più leggeri di quelli a disposizione sul sito ma danno un’idea perfetta dello stile e dell’ambiente. Divertitevi, non è mai troppo tardi per aggiungere un po’ di tendus e battements alla propria giornata.

15 mn di total body toning

Gambe e glutei.

Addominali in piedi.

Ponte.

E Mary Helen Bowers in dolce attesa con la modella Lily Aldridge

 

16 Comments

Gennaio

Dal blog di Suzanne Bowen

Non ho fatto buoni propositi quest’anno ma da quando sono tornata da Napoli, il giorno dell’Epifania, qualcosa è comunque cambiato. C’erano stati già dei presupposti ma l’esigenza di riorganizzare la mia vita era impellente.

A Novembre abbiamo preso e attrezzato un piccolo ufficio luminoso per la nostra attività e abbiamo avuto un paio di richieste, gradite (il lavoro è sempre gradito per un’impresa che deve crescere) ma impellenti. Ho ricominciato a lavorare di più fuori casa e con gli altri. E lavorare tanto tanto, con scadenze strette. Piccoli punti fermi che avevo ormai inserito nelle mie routine sono saltati e ho dovuto riorganizzarmi.

Un esempio, il movimento: avevo quasi smesso di allenarmi e stavo cominciando a riprendere peso, complici anche un paio di inconvenienti sotto Natale che ci hanno tenuti chiusi in casa la maggior parte del tempo. I miei allenamenti intensi mi lasciavano stanchissima e spesso se trovavo il tempo mi mancava la voglia. Allenandomi sempre meno lo trovavo sempre più faticoso, in un circolo vizioso che incideva anche sul mio umore.

A me Gennaio piace, però mi stanca. Mi ricordo vari anni in cui arrivavo a fine Gennaio con tanta voglia di andare in letargo. E’ il freddo, le feste appena passate, la poca luce. A Gennaio vorrei seguire il mio istinto e girare con lo scialletto bevendo brodo caldo ma quasi mai è possibile. A Gennaio vorrei tanto un camino e una poltrona enorme in cui sprofondare e tempo libero da sprecare senza sensi di colpa. Ma a Gennaio questo non è mai possibile, la vita continua e a volte ancora più piena e veloce del solito.

A Gennaio ho cambiato tecnica: più calma, scelte più realizzabili, meno cose. Ho lasciato momentaneamente Tonique e ho voluto provare le routine di Suzanne Bowen, tornando alla sbarra, più soft. Ho approfittato di uno sconto online e mi sono abbonata alle sue classi che si possono seguire in streaming; ho cominciato anche a seguire i suoi piani di allenamento, molto fattibili in termini di tempo e di fatica. Così non devo scegliere, non devo organizzarmi, non devo pensare. Calcio via le scarpe, mi metto un paio di leggings e seguo pedissequamente quello che mi si propone quel giorno. E devo dire che mi trovo bene, è efficace: mi pare che i muscoli rispondano, mi sento soddisfatta e sicuramente mi tengo più in forma che a stare ferma.  Meno ma con costanza, è diventato il mio mantra.

A Gennaio mi sono anche messa un po’ a dieta. Inutile nascondersi, brucio meno calorie stando più ferma e questi 2 kg che ho preso, uno per mese, non andranno via da soli. Sono tantissimi anni che non faccio una dieta, non è roba per me, ma anche qui, ho bisogno di sapere cosa mangiare ogni giorno: sono troppo stanca per seguire il mio istinto e tendo a confondere i segnali del mio corpo a causa delle tensioni.

A Gennaio mi sono resa ancora più conto di non aver tempo di stare dietro agli oggetti e ho ripreso a semplificare quanto possiedo. Non c’è giorno che non elimini qualcosa, vendendolo, donandolo o riciclandolo. E’ diventata un’abitudine quotidiana di questo mese, svuotare. Ho liberato ripiani e cassetti e vedere del vuoto mi fa sentire meglio, come se poi fosse tutto più semplice da gestire. Ne ho bisogno e ne approfitto per far finta di diventare, un giorno, realmente semplice e leggera.

,

5 Comments

Il bagno caldo

Vi avevo promesso di raccontarvi anche le mie incoerenze e questa è una di quelle: la mia dipendenza dalla vasca da bagno. Non potrei semplicemente vivere in pianta stabile in una casa non provvista di vasca da bagno. Ho bisogno della sua presenza in casa, anche se il lungo bagno rilassante dei miei sogni spesso è solo un lusso raro.

369307498_55a4b8133c_m

Lo so che le docce sono meglio: più economiche ed ecologiche, ed un box doccia prende pure meno spazio di una vasca. Il bagno però…

Niente, nessun prodotto rende nuova la pelle come un lungo bagno e una bella strofinata con un asciugamano sulla pelle umida. Nessuna idea geniale mi è venuta sotto la doccia, con la sua efficienza, lava di qua, strofina di là, sei concentrata nell’azione e non c’è spazio per la creatività. La sensazione di essere avvolta e portata dall’acqua, di lasciarti andare, il corpo immerso che man mano cede all’acqua la sua resistenza e la mente che vaga sono piaceri a cui non riuscirò mai a rinunciare.

Quindi, ogni tanto, bagno.

Alla faccia del consumo di acqua di cui dimentico volontariamente la proporzione rispetto ad una doccia. Un tempo era anche un trattamento di bellezza, maschera al viso e ai capelli, prodotto snellente nell’acqua, pure un po’ di movimento per aiutare a massaggiare. Ora, dopo la maternità, l’evento è talmente raro che è puro relax, senza il pensiero della crema che si asciuga o dei tempi di posa che stanno finendo. Non ci rinuncio, nonostante le mie fisse di tutela ambientale.

Però man mano che cresceva in me la consapevolezza del loro impatto i miei adorati bagni sono cambiati: acqua calda ma non più bollente, che fa pure male alla circolazione, niente bagnoschiuma ricco di tensioattivi ma un poco di sale o di amido e qualche goccia di olio essenziale di lavanda. A volte tengo da parte un po’ dell’acqua di scolatura del riso (sì sì, basta mettere un’altra pentola sotto lo scolapasta) per usarla per ammorbidire la pelle. Poi accendo due o tre candeline, e risparmio pure corrente. Sono anche donna d’amore, non solo libertà, almeno secondo Bellavista.

L’assenza di bagnoschiuma poi aiuta a riciclare l’acqua una volta finito il momento di perfetta felicità a porte chiuse. Intanto l’acqua calda può continuare a scaldare l’ambiente fino a che non si raffredda un poco. Conviene tenere chiusa la porta per via dell’umidità che non è bene che vada in stanze non dedicate, ma il bagno rimarrà caldo senza utilizzare stufette o alzare il riscaldamento. Poi si dovrà arieggiare, naturalmente, e passare una spugnetta sulle pareti ma senza sprecare i vapori caldi appena generati. Poi riempio un secchio dell’acqua rimasta per tenerlo da parte da usare al primo scarico e infine, per pulire la vasca, strofino con una spugnetta in microfibra e un po’ di sapone quando ancora non è vuota e poi sciacquo alla fine, in modo da non utilizzare altra acqua. Così tacito la mia tormentata coscienza e mi concedo questo incoerente e piacevolissimo lusso poco ecologico.

13 Comments

Pozioni magiche: il succo verde

Un altro modo per utilizzare quegli onnipresenti gambi di cavolo è centrifugarli.

La cosa diventa necessaria in inverno per due motivi principali.

Il primo è che i cavoli abbondano in tutte le loro versioni e non si può mangiare sempre zuppa di cavolo e non si può neanche metterne un poco in tutte le zuppe perché ha un sapore predominante e quindi si finisce per avere l’impressione di mangiare solo cavolo anche se è in mezzo ad altre 8 verdure.

Il secondo è che d’inverno si mangia meno verdura cruda (almeno, io ne mangio molta meno) e invece sarebbe il momento di fare il pieno di quelle buone vitamine presenti in tutte le verdure di questo periodo che aiutano tanto i sistema immunitario a passare indenni l’inverno.

A parte il cavolo cappuccio, i cavoli crudi a me non piacciono molto mentre l’idea di utilizzarlo per fare il pieno di vitamine mi sorrideva molto. Avevo letto del green juicing su alcuni siti d’oltreoceano, dove si scopre un nuovo supercibo e un nuovo elisir di lunga vita ogni giorno anche tra i cibi che ho sempre mangiato e mi è sembrata una buona idea per trarre il meglio dagli scarti delle verdure del mio frigorifero.

In inglese  green juice fa più figo di succo verde, ma il succo della questione succhi è: le piante a foglia verde, tipo i cavoli, sono piene di clorofilla.

succo verdeLa clorofilla fa un sacco di bene, specialmente a chi come me è tendenzialmente anemica, perché piace ai globuli rossi ed è piena di ferro biodisponibile, poi è depurativa, antisettica, antiossidante e bla bla bla. Per riuscire a buttare giù una quantità di clorofilla sufficiente uno dei metodi più efficaci è centrifugare piante a foglia verde, che non sono solo cavoli ma a casa mia d’inverno soprattutto loro, più che altro per tutti quei gambi un po’ fibrosi che voglio riutilizzare. Niente vi vieta di sperimentare con tutta la frutta e la verdura che volete, ad esempio conosco chi beve solo cetriolo e pera e per lui non c’è altro succo verde al mondo.

Naturalmente nei siti che lo sponsorizzano dicono che è l’elisir di lunga vita, rafforza il sistema immunitario, fa andare via le rughe e la cellulite e che potreste anche nutrirvi solo di questo per qualche giorno per essere nuove, belle e in forma.

Io mi fermo un po’ più in qua e mi accontento delle buone sostanze che veicola nell’organismo e che posso sottrarre addirittura a pezzi di verdura che altrimenti finirebbero in pattumiera.

La verità profonda del green juicing è che il succo di cavolo tel quel farà pure benissimo ma fa schifo. Però se ci centrifughi insieme una mela intera, ci aggiungi la menta e un pochino di limone diventa buono. Io per ottenere un sapore decente in genere faccio metà frutta metà residui di cavolo e un po’ di limone o menta o zenzero. La frutta e la verdura vanno messe nella centrifuga con tutti i semi e la buccia, tagliate grossolanamente. Limone e spezie si aggiungono alla fine.

Dato che l’occhio vuole la sua parte, io mi attengo alla gamma cromatica verde, cioé aggiungo mele, kiwi, pere in modica quantità e nessuna frutta troppo gialla o rossa che farebbe tendere il centrifugato al marroncino e così lo trovo meno piacevole da bere. Per me è ottimo dopo che ho fatto movimento, mi sembra che il mio corpo mi chieda proprio un supplemento di energia e vitamine ma nulla di troppo pesante. La fame da lupo mi viene infatti circa dopo un’oretta e a quel punto mi illudo di poter divorare quello che mi pare che tanto il mio sano succo verde l’ho già preso.

4 Comments

Un post da fashion blogger

Questo post è dedicato alla mia cara Caia, che sostiene che sotto sotto io abbia palesi ispirazioni da fashion blogger. Non dico che non mi piacerebbe avere l’estro e parlare di abiti e scarpe con verve e maestria, anzi, ma ci sarebbe un notevole impedimento, oltre una certa mancanza di fotogenia: non credo di possedere sufficienti vestiti da poter tener vivo un blog. Neanche mescolandoli molto più di quanto normalmente faccia riuscirei a tirare fuori qualcosa come un dayly outfit che riempia queste pagine per più di un mesetto.

Inoltre mi interesso più di ventagli e crinoline che della fashion week. Queste ultime settimane ho messo direttamente come già letti tutti i siti che hanno come argomento principe sfilate, street style & co. Il periodo delle settimane della moda, in qualunque città queste si svolgano, mi annoia enormemente. Come dire, mi mancano i fondamentali.

Certo, direte voi, al ritmo a cui pubblichi potresti anche diventare la prima fashion blogger minimalista dei dintorni. Tipo 4 post all’anno, ai cambi di stagione. E avreste pure ragione. Per quello oggi mi voglio divertire anche io a fare un post da fashion blogger, con sfumature di autoproduzione e lusso economico, come si conviene a lostrettoindispensabile.  Tutto è partito da un acquisto inutile. Impulsivo. Insomma, l’acquisto da non fare. Questa primavera infatti ho comprato questo splendido scampolo di seta, senza alcuna idea di come impiegarlo, perché ho adorato la fantasia e il prezzo accessibile vista la qualità del materiale.

IMG_20130327_161048

Bello vero? Avevo bisogno però di trovargli presto un utilizzo per non sentirmi troppo a disagio con me stessa: che farne? Una casacca, una gonna… su Instagram c’erano coretti che inneggiavano ad un paio di “pajama pants” ed effettivamente sarebbe stato perfetto per quelli, se non fosse per il tessuto un po’ trasparente e la mia scarsa considerazione per le mutande a vista.

Nell’indecisione la visita dalla sarta veniva rimandata giorno dopo giorno, con questo tessuto inutilizzato che mi pesava un po’ sulla coscienza, finché non sono partita per le vacanze e ho infilato il taglio di stoffa in valigia, pensando che sarebbe stato un peccato lasciar passare l’estate senza ricavarci qualcosa. L’idea era di cucirci una gonna, ma improvvisamente un giorno, l’illuminazione: sarebbe stata una casacca leggera con scollo arricciato all’americana.

La realizzazione è davvero semplice. Bisogna ritagliare due rettangoli, poco più ampi dei fianchi e cucirli sui lati lunghi lasciando giusto lo spazio per il giro manica. Orlare sotto e rifinire il giromanica, poi ricavare due piccole coulisse nei due bordi liberi superiori, infilarci un nastrino per lasciar arricciare la scollatura. Et voilà, neanche un’ora di lavoro.

Con un po’ di tessuto avanzato ho ricavato una piccola fusciacca, da legare tra i capelli o in vita. In realtà, non sapendo bene come sarebbe caduto, l’ho lasciato un po’ lungo e forse anche leggermente troppo largo, e la prima volta l’ho indossato come miniabito con sotto una sottoveste in maglina blu. Non credo che lo userò più così, ma il Partenopeo mi ha fatto delle foto e ve le mostro in questa versione.

agosto 2013 071 (2)

Io però lo preferisco come casacca, o ancora meglio, in questa stagione, come top sottogiacca, proprio per questa fantasia a foulard che sembra piuttosto adatta ad accostarsi alle linee pulite. Eccomi qui, smartphone alla mano, che mi faccio le foto davanti allo specchio. Sembro quasi una di quelle vere, eh?

IMG_20130921_104249

La morale della storia è che ho un capo di seta nuovo, semplice, fatto da me, iperversatile e costato in proporzione molto poco. Forse, se mi impegnassi sul serio e comprando uno stock di tessuti da tagliare a rettangolo e cucire, persino lostrettoindispensabile potrebbe diventare un fashionblog. Ma prevedo il fallimento per scarsità di post quindi potete tenermi nella categoria ibrida, così non mi mancheranno le cose da dire. Dai, ditemi voi, come sono andata?

6 Comments

Non sostituire

E’ settembre, e su instagram e blog fervono post e immagini di decluttering, e chiaramente anche io sto facendo la mia parte.

Sembra che liberarsi del superfluo e ripartire più leggeri abbia sostituito i buoni propositi dell’inizio dell’anno scolastico, complice forse anche la maggior semplicità della vita in vacanza, almeno in viaggio e in famiglia. Si libera l’armadio e ci si iscrive in palestra, è tradizione.

Anche io ho fatto la mia parte: mia mamma va regolarmente a trovare un’amica che partecipa ad un mercatino di cose usate una volta al mese, e ho già riempito tre sacchi per lei. Lei si diverte e passa il tempo e venderà tutto per pochi euro a oggetto, ma come dice Enrico lo psicologo nel meraviglioso commento a questo post di Claudia Porta, l’idea di avere qualcosa in cambio ci aiuta a separarci da quello che non ci serve.

Nonostante i 3 sacchi, comunque, mi guardo intorno e mi pare di essere stata brava negli ultimi anni, e coerente: possiedo meno, o forse meglio. Più cose che uso e che amo e meno oggetti di cattiva qualità o sbagliati. Comunque, meno, in generale.

Ho sicuramente troppe calze e calzini e forse dovrei evitare di comprare lana per un annetto, ma direi che per il resto sono abbastanza moderata. Meno libri che stavano rischiando di sfrattarci, grazie al kindle e alla Sala Borsa, meno lavori cominciati e mai finiti. Certo, abbiamo dovuto fare spazio a due figli, i loro giochi, i loro libri e le loro personalità, quindi la mia casa non è spoglia e semplice (e facile da tenere pulita e in ordine) come vorrei, ma intanto è un buon traguardo.

E più che il liberarsi in intense sessioni catartiche del superfluo a me è servito soprattutto un mantra.

Non sostituire.

Non solo non comprare cose in più, ma se c’è qualche oggetto che davvero diventa inservibile, non sostituirlo, almeno non immediatamente. Ho avuto così enormi sorprese, per niente scontate.

Quando cerchi di liberarti di quello che non ti serve, dicono di fare 3 domande: mi piace? mi serve? l’ho usato nell’ultimo anno?

Beh, la mia esperienza è che non sia sufficiente per diminuire davvero “le scorte”. Bisogna davvero provare a fare a meno di qualcosa per renderci conto se ci è indispensabile. E uno dei modi per gestirlo in modo non traumatico è sperimentarlo quando un oggetto che ritenevamo indispensabile ci viene a mancare. A me è successo di fare a meno di cose che avrei messo ad occhi chiusi nella lista delle 99 cose a cui non potrei rinunciare.

Ad esempio il robot da cucina. Troneggiava lì, su uno dei pochi ripiani della cucina, e lo usavo in maniera regolare: aveva però fatto il suo tempo e si è rotto un pezzo, e non esisteva più il ricambio. Sarei andata a comprarmene un altro subito ma ho aspettato, e la sua funzione è stata sostituita dalla macchina del pane per gli impasti, dal mini robot della Chicco che mi aveva regalato mio padre per far la pappa ai bambini per tritare e sminuzzare, dal frullino ad immersione per passati e frullati, da una grattugia manuale per le carote a julienne e le fette di patate. Tutti oggetti che avevo già in casa, e che usavo in altri contesti, e che quindi avrei comunque tenuto. Ora ho un piano di lavoro libero in più, in cucina, ne sono felice e ho accompagnato serenamente il caro robot estinto all’isola ecologica.

Ad esempio le ballerine blu. Credo di aver avuto delle ballerine blu per la mezza stagione dall’età di 12 anni, sostituendole regolarmente. Jeans, ballerine blu, maglietta, ed era subito primavera. Mai avrei pensato di fare a meno delle ballerine blu. E invece.

E invece quelle rosse e le stringate beige sono perfette con tutti gli abbinamenti in cui mettevo le ballerine blu e molto meno banali. E le ho già. Insieme alle loro varie sorelle che non mi lasciano un buco libero nella scarpiera, sotto il letto, sopra l’armadio. E ho imparato la grande lezione: si può vivere senza ballerine blu e sentirsi belle e felici.

Chiaramente ci sono le eccezioni. Dopo una settimana senza lavastoviglie avrei venduto tutte le mie scarpe se non avessi avuto i soldi per ricomprarla. E nonostante non metta i jeans spessissimo, è già tre volte che apro l’armadio e li cerco, e mi piange il cuore che siano irrimediabilmente rovinati, quindi quando troverò un modello che mi piace li ricomprerò. Però ora so che sono oggetti che migliorano la mia vita, il mio guardaroba e la mia capacità di prepararmi presto la mattina senza lasciare tazze da lavare o passare ore di fronte all’armadio.

 

12 Comments